Consigli per comprare e vendere

PRIMI PASSI VERSO L’ACQUISTO

Apriamo la trattazione allertandovi di diffidare da tutti gli annunci che vendono prodotti a prezzi troppo bassi; sono quasi sempre truffe, nessuno regala la propria merce.

Se vi chiedessero pagamenti anticipati per spese doganali o altro, giustificandosi perchè residenti all’estero (esempio: Costa D’Avorio), lasciate perdere in quanto trattasi di truffe. 

Se durante la valutazione del prodotto aveste già forti dubbi, consigliamo, prima di contattare il venditore, di effettuare una “ricerca dell’immagine” tramite il motore Google, gratuito, al fine di verificare se trattasi di prodotti rubati o prodotti che non possono essere nelle disponibilità del venditore (foto prese da negozi, siti internet ecc).

Il venditore, contattato, dovrà essere sicuro e preparato sul prodotto che vende; è quindi opportuno chiedere allo stesso venditore ulteriori garanzie: altre foto del prodotto (chiedetene una specifica come quella di un particolare, in quanto se non avesse il prodotto non avrà la possibilità di farvela avere), numero di serie del prodotto, una copia dello scontrino o della fattura di acquisto o della garanzia (chiunque abbia comprato un prodotto ne è in possesso).

La cosa migliore, infine, sarebbe quella di ottenere un recapito telefonico fisso sul quale sia possibile rintracciare il venditore - verificatelo.

Anche se poi non procederete a farlo, per metterlo alla prova, chiedete al venditore se accetta il ritiro in zona.

Diffidate da copie di carte d’identità inviateVi dal venditore per rassicurarvi sulla sua identità; difatti non provano nulla, anche se corrispondessero con l'indirizzo o la località di residenza che conoscete del venditore.
La cosa migliore, e ve lo ripeteremo sempre, è di incontrarsi per valutare il prodotto e conoscere il venditore.

Non esistono prodotti in garanzia senza scontrino o fattura d’acquisto.

Non esistono prodotti nuovi non testati: sono sicuramente prodotti non funzionanti (in particolare per le E-bike).

Non si danno acconti: pagare una prima parte e la restante alla consegna… la consegna non avverrà!

 

PRIMI PASSI VERSO LA VENDITA

Scartate a priori acquirenti internazionali che vi chiedono di pagare tasse doganali per l’ingresso o cose similari, per poter permettergli di pagarvi… tutte truffe non perdete tempo.

 

METODI DI PAGAMENTO

Innanzitutto occorre sottolineare che le carte di credito prepagate e quelle postali hanno lo svantaggio di non poter dimostrare di fronte alle autorità competenti l’avvenuto pagamento dell’articolo acquistato, conseguentemente non si avranno dati certi per adire le vie legali contro il truffatore. Sono quindi dei metodi di pagamento da evitare o utilizzare solo qualora si conosca effettivamente il venditore.

Inoltre non confondete il “conto Paypal” con la “carta prepagata Paypal.

Quest’ultima, come tutte le carte prepagate fornite dagli istituti bancari, ricade sempre nella categoria delle “prepagate”, da evitare!

Anche le ricariche postepay, i vaglia postale e sistemi tipo “Western Union” sono ugualmente da evitare se non conoscete il venditore.

I metodi di pagamento da utilizzare sono dunque: il bonifico bancario, l'accredito su conto corrente postale e il contrassegno; qualora non si possa proprio incontrare il venditore per concludere la trattativa – unico metodo veramente sicuro.

Specificate all'atto del pagamento, in modo chiaro, la causale del versamento mettendo i riferimenti del prodotto che acquistate.
 

QUANDO SI SUBISCE LA TRUFFA

È importante, prima di effettuare qualsiasi denuncia, l'essere pienamente sicuri di essere stati truffati. A volte i tempi previsti per la consegna si allungano, magari per un ritardo nelle spedizioni o qualche problema del corriere. Contattare quindi il venditore per farsi dare il codice della spedizione e procedere al controllo sul sito del corriere.  

Se effettivamente trattasi di truffa, il venditore non è più rintracciabile e il pacco non si vede, procedete immediatamente a sporgere denuncia presso le forze dell'ordine.

Collegarsi, quindi, al sito della Polizia Postale al seguente indirizzo: https://www.commissariatodips.it/ per procedere ad eseguire la “denuncia via web di reati telematici”.

Ricordate, che questo è solo il primo passo della procedura di presentazione della denuncia per reati telematici. Difatti l’atto che avete inserito, è “solo” lo schema sul quale sarà possibile effettuare, nell’ufficio di polizia prescelto, eventuali integrazioni ed assumerà valore legale di denuncia solo con la sottoscrizione davanti all’Ufficiale di P.G. (quindi dopo averlo fatto via Web ci si deve recare obbligatoriamente all’ufficio di Polizia precedentemente scelto).

 

IMPORTANTE: la società Quirino Srl proprietaria del portale “bicisupermarket” non presta alcuna garanzia circa il contenuto, la completezza e la correttezza delle inserzioni pubblicate né con riguardo ai dati pubblicati, né relativamente alle immagine pubblicate, né relativamente alle informazioni successivamente fornite dall’inserzionista al potenziale acquirente. Inoltre anche in caso di verificazione per approvazione delle inserzioni, manuale o automatica, “Quirino” non presta ugualmente alcuna garanzia circa il contenuto, la correttezza e la completezza delle stesse.
“Quirino” si dichiara inoltre completamente estranea alle trattative eventualmente nascenti dall’uso del servizio e pertanto non garantisce né la bontà né l’esito delle stesse, con la logica conseguenza che nessuna richiesta di restituzione, compensazione, riparazione e/o risarcimento a qualunque titolo o forma potrà essere avanzata nei confronti di “Quirino”, ogni eccezione rimossa al riguardo